vasi, sottovasi, bonsai, hobby albicocco giapponese, prunus mume, bonsai, miniature, hobby, alberi Bonsai, specie, shohin, mame bonsai, stili, miniature, alberi esposizione, pinzatura, ficus, bonsai annaffiatura, potatura, ficus, bonsai defogliazione, concimazione, ficus, bonsai melograno, bonsai, alberi tag foto 9 bonsai, specie, olmo, ficus, melograno

ottobre 18, 2008

Wabi e Sabi

Principi estetici
II bonsai è ormai accettato ovunque come una forma d'arte e non semplicemente co­me una coltivazione specializzata. Inteso in tal senso, ha certi principi esteti­ci basilari che si possono analizzare e stu­diare. Questi principi hanno una base co­mune a ogni forma d'arte cinese e giappo­nese.
Per apprezzare esteticamente il bonsai è ne­cessario quindi conoscere il contesto nel quale l'arte giapponese e cinese si è svilup­pata.
Quasi tutte le forme orientali di arte e di ar-tigianato hanno la loro origine nel taoismo e nel buddismo.
Anche se spesso regole complesse o tecni­che raffinate sono le componenti essenziali di queste arti, finiscono con il giocare sem­plicemente un ruolo di mezzo strumentale e sono comunque secondarie: l'aspetto più ap­pariscente di un'opera d'arte superiore o di un capolavoro è la sua capacità di apparire casuale o quasi accidentale. Taoismo e zen considerano un'alta conqui­sta per un uomo riuscire, quasi senza sfor­zo, a creare tali 'accidenti' o a cogliere que­ste 'fortunate occasioni' in ogni campo, in­cluso il bonsai. Sono queste le persone che diventano grandi 'maestri' nella loro partico­lare arte.

Wabi e sabi

Ci sono due concetti fondamentali che per­meano l'arte e la cultura cinese e giappone­se: i concetti di wabi e sabi. Wabi significa letteralmente 'povertà', nono­stante questa traduzione non riesca a dare un'idea precisa del suo vero significalo: po­vertà come 'non-soffrire" per il 'non-possedere" come tranquilla accettazione del fatto che non si possiede nulla, con molta semplicità.

Wabi quindi è una povertà ben più nobile delle più immense ricchezze materiali. In pratica si può ritrovare il wabi nel vivere serenamente in condizioni spartane, con ci­bo semplice e accontentandosi di poco, felici e in sintonia con gli eventi di tutti i giorni. Nel campo intellettuale e artistico il wabi si trova nelle persone che non indulgono a concetti complicati, a espressioni superorna-te e che non nutrono un'alta considerazione di sé: persone tranquille che si accontentano delle semplici cose della vita e ne fanno la fonte delle loro ispirazioni quotidiane. Sabi invece indica 'solitudine', sebbene in termini estetici il suo significato sia molto più complesso. È implicito nel concetto di sa-bi anche un riferimento al vecchio, all'anti­co, specialmente se è unito a una sostanziale assenza di sofisticazione.

Gli utensili usati nella tradizionale cerimo­nia del tè in Giappone sono un buon esem­pio di sabi.
L'essenza del sabi è la grazia unita all'antico. Per riassumere, il wabi implica povertà, semplicità accompagnata dalla serena capa­cità di accontentarsi; il sabi invece rappre­senta il senso di solitudine, una certa delibe­rata imperfezione ispirata all'antico e l'as­senza di sofisticazione. Intrecciati a questi attributi ci sono poi le qualità innate di un profondo amore per la natura, la ricerca dell'asimmetria, l'assolu­ta assenza di astrazioni, di intellettualismo e un certo distacco dalle cose pratiche e ma­teriali.
Sette caratteristiche, viste come espressione dello zen in un'opera d'arte, conducono al wabi e al sabi.
Esse sono: asimmetria, semplicità, sublime austerità, naturalezza, sottile profondità, di­stacco, tranquillità.
Alcune di queste qualità possono essere pre­valenti in una particolare opera d'arte, ma tutte devono contemporaneamente essere presenti in qualche modo, e contribuiscono a creare la perfetta armonia che caratteriz­za il capolavoro.

Asimmetria
Perlopiù la sagoma di un bonsai è asimme­trica nella forma e nell'equilibrio. Eccettuato il caso dello stile formale eretto, ben poche composizioni devono essere perfettamente simmetriche.
L'armonia viene raggiunta con un accurato equilibrio delle masse e dei vuoti, che an­dranno collocati al giusto posto e nelle giu­ste proporzioni (per esempio evitando rami opposti o ricercando l'esulta collocazione dell'albero nel vaso).

Semplicità
Nella filosofia e nella scienza, i più profondi concetti si possono esprimere spesso in ter­mini molto semplici. Ciò è vero anche nel bonsai: decorazioni eccessive dell'albero o del vaso distolgono l'attenzione dall'essenza del disegno. La disciplina della semplicità è il filo conduttore nel decidere la forma di un bonsai.

Sublime austerità



12EUR_250x250.gif


Tutte le parti superflue sono eliminate, la­sciando solo quelle essenziali, utili a trasmet­tere il messaggio dell'artista. Nel bonsai, forse, il migliore esempio di que­sta qualità è rappresentato dallo stile literati, dove solo una o due forti linee comunicano le emozioni e le suggestioni dell'autore. Un bonsai di questo stile ricorda molto i tratti di pennello della scuola di pittura lite-rati, basata su una comunicazione scarna ed essenziale, in cui la forza della linea del tronco e un minimo di ramificazione e di fo­gliame bastano a esprimere un ricco conte­nuto.
Lo stile literati è considerato l'espressione più alta dell'arte bonsai. lljin (legno morto) e il sharimiki (legno scortecciato) sono altri esempi di sublime austerità.

Naturalezza
Al fine di creare un'emozione completamen­te naturale occorre evitare ogni evidenza di artificialità. Le caratteristiche della natura sono osservate e copiate l'in ne;! più piccolo dettaglio; questo per dare l'impressione del­l'accidentale o del casuale. Il risultato deve far pensare che l'uomo non sia intervenuto.

Ultimi post pubblicati


18/10 – Le strutture interne dell'albero

18/10 - Sistemazione

18/10 – Insetticidi, fungicidi e diserbanti

18/10 – Wabi e Sabi

18/10 – Criteri di coltivazione

18/10 – Studiare i Bonsai a Milano

09/08 – Azalea, bonsai del portamento elegante e dalla fioritura spettacolare

09/08 – In Giappone il “prunus mume” è considerato un grande portafortuna

09/08 – L'Acero tridente è un bonsai dalla forte “personalità”

09/08 – L'Acero palmato, uno degli alberi bonsai più belli

09/08 – Bonsai è l'arte di creare miniature di alberi

01/06 – Fisiologia vegetale: la struttura esterna dell'albero

01/06 – Prime notizie sulla natura di questa stupenda forma di arte orientale

18/02 - L'ispirazione


Mare    d'Inverno

Genius    First_468x60.gif


RSTP (Raccomandati Se Ti Piacciono)

AsteClick -    Canon ixus960

16/10 – World Images: Gargano Peninsula Puglia's Best Beach (Italy)

16/10 – La Cucina di Susana: All'ora dell'aperitivo

15/10 – La Cucina di Susana: Gelato al Cioccolato

14/10 – World Images: Eqi Glacier in Greenland

14/10 – La Cucina di Susana: Peperonata casereccia, un grande classico

13/10 – World Images: Rafal Rubi (Minorca), Spain

12/10 – Immagini d'Italia: Parco Nazionale dello Stelvio

06/10 – Immagini d'Italia: Parco Nazionale del Gargano

06/10 – Stamps of the World: History of Philately

30/08 – Il lago Titicaca, il più grande del Sudamerica



A proposito dell'autore: Fausto Baccino

Un bonsai non è semplicemente una pianta. È una filosofia, un simbolo d’armonica condivisione con la natura. È un essere vivente sul quale vanno riversate tante attenzioni. Alcuni ritengono che per curarne uno sia necessario essere sereni con se stessi, in armonia con la natura.

0 commenti:

Posta un commento

Hobby Bonsai in Facebook

Segnala Feed Aggregatore Blog Italiani Subscribe using FreeMyFeed follow us in feedly

Hobby Bonsai in Twitter

Hobby Bonsai in Pinterest

Copyright © Hobby Bonsai™

Blogger Templates By Templatezy & Copy Blogger Themes